Riflessioni tecniche con un pizzico di sensibilità su quanto una professione, in un dato periodo storico, possa influenzare la qualità della vita.

Qualche consiglio tecnico prezioso per chi voglia intraprendere il mestiere del gelatiere, oggi.

/// Il gelato in Italia dal dopoguerra ad oggi. Cenni storici ///

Sono di Roma, mi chiamo Alessandro e credo di essere un discreto "osservatore".
Forse, nel 2020, una critica presa di coscienza merceologica e storica mi ha tirato fuori da una fine lavorativa sicura.

Dunque, vediamo un po’, storicamente, cosa è successo alle gelaterie "romane"; un fenomeno che verosimilmente ha investito tutto il settore a livello nazionale.
Potremmo raggruppare le tre grandi fasi di evoluzione del mercato della gelateria artigianale così:

  1. dal dopoguerra al 1985
  2. dal 1985 al 2000
  3. dal 2000 ad oggi

a) Nel dopoguerra, Roma ha un pullulare (discreto ma non eccessivo) di bar e latterie che producono anche gelato e lo vendono a tutto il quartiere.
Essendo un numero comunque esiguo, hanno ottimi incassi e sono l'unico punto di riferimento per chi vuole questo prodotto.

Insieme, nascono anche le prime piccole e poco curate gelaterie.
Anche esse conseguono ottimi incassi perché la domanda a quel tempo è tanta e l'offerta comunque sempre ridotta.
Questa è l'era "d'oro" del rapporto spese /utile netto di questo settore.
Negozi modesti negli arredamenti, comunicazione zero, materie prime assolutamente artigianali. La mano dell'artigiano occupa pertanto gran parte della voce "spese" dell'attività.
Il mercato dei "semilavorati" è ancora lontano e il concetto di "gelato artigianale" è imperniato sul termine "overrun", cioè il fondamento per cui il "gelato" come prodotto merceologico è " valido".

Overrun significa: la capacità di una miscela di creme o frutta di incamerare "aria" attraverso la mantecazione.
Più la miscela incamera aria, per il bilanciamento semplice degli ingredienti, maggiore sarà il guadagno alla vendita poiché il prodotto finale avrà un "peso" basso rispetto al “volume" dell'aspetto.
Tenendo presente che ogni artigiano acquista materie prime al Kg capirete che anche la vendita è una questione di "peso". In altri termini, se un prodotto finale si vende ad un prezzo di mercato ed il peso è basso, il guadagno è alto.
Purtroppo, questo concetto si è invertito nei tempi moderni ma ne parleremo in seguito.

Paradossalmente cosa succedeva quindi in questi anni?
Che gente, con un minimo di acquisizioni tecniche sulla produzione, con spese minime di arredamento, quasi nulle in pubblicità e bassissime in materie prime (anche perché, in quei tempi, i costi delle stesse, non essendo un mercato fiorente, erano veramente basse) fecero altissimi utili netti.
Parlo dell'ESSENZA del significato dell‘"artigianato". Acquistare materie prime a basso costo e trasformarle, attraverso la propria abilità artigianale, in un prodotto finale dal giusto prezzo di mercato.
Altro concetto completamente sballato oggi.

In mezzo ad una giusta quantità di piccolissime attività redditive nascono i "pilastri di Roma".
Veri e propri imprenditori artigiani che uniscono UBICAZIONE IMMAGINE E CONTINUITA' per creare "nomi" che dureranno 80 anni.

Giolitti, Fassi sono alcuni dei pochi "grandi" che dureranno addirittura fino ad oggi.

b) Sul finire degli anni 90 sorgono, accanto a questa formazione, alcuni artigiani (acquisiti) che si accorgono dell'importanza di ubicare la gelateria in posti "strategici" in modo da coinvolgere molte più persone.

Senza fare nomi, luoghi di interesse diventano il quartiere africano, S. Giovanni, le Mura Vaticane e tanti altri.
Nascono delle realtà che diventano punti di riferimento importanti. Un mix tra la miriade di invisibili ed i "big".
Il metodo di lavorazione resta ancora "vantaggiosissimo".

Il gelato mantiene la sua fattura "semplice", leggero e poco pretenzioso.
Comunicazione ed arredamenti sono ancora modesti.
Chi ha saputo approfittare di questa situazione in questo periodo storico ha visto i soldini veri.

c) A partire dal 2002 La situazione cambia.
E' l'inizio di un percorso controproducente perché totalmente inadatto a questo prodotto "povero". La parola d'ordine da questo momento in poi è "comunicazione".
Qualcuno (forse in assoluto Grom) si accorge, con grande spirito di osservazione, che il mondo del gelato effettivamente è "fermo da 50 anni". Ci si accorge che chi continua a guadagnare in maniera "semplice" con tale prodotto non ha mai provato a comunicare col cliente se non alla vecchia maniera, con sorrisi ed empatia.

In mezzo ad un mare di attività dove il massimo dell'interazione col cliente sono le targhette improbabili fragola limone e cioccolata, emerge l’esigenza di adattarsi alle nuove tendenze, dando la "zampata comunicativa imprenditoriale".

Si vuole "impreziosire" quel concetto cosi umile e per certi versi sterile del gelato. Come?
Locali centralissimi, arredamenti da boutique, comunicazione col cliente multimediale e coinvolgente e grande sperimentazione di nuovi sapori da proporre per "coinvolgere" la curiosità dei clienti ignari di cosa stesse per succedere.
Grande coinvolgimento, un’aria di lusso delle boutique, e propositività di nuovi sapori.
Nell'arco di 5/7 anni altri "piccoli" imprenditori in erba si accorgono di questi movimenti.

Mentre il capostipite "vola" con le aperture di nuovi punti vendita ed amplifica l'aria multimediale del gelato, gli altri si cimentano in "copie" del primo. Prima in piccolo, poi in grande, infine con negozi "enormi".
Le "sperimentazioni" dei sapori diventano bizzarre.
Nelle miscele ormai si mixa di tutto e gli accostamenti da chef diventano "imbarazzanti" per i puristi del gelato.

Comunque sia, tale strada fa breccia nelle mode e nella curiosità dei consumatori e nell'arco di 15 anni, il gelato diventa un prodotto "altolocato" e di interesse mediatico.

Nel 2012 inizia la "crisi" commerciale italiana e chi, ritrovandosi in cassa integrazione o con le mani in mano, accorgendosi della “apparente floridezza” del mercato del gelato per le numerose aperture di nuovi punti vendita, si cimenta in questa fantasmagorica "Mecca" dell'artigianato.
Questo fu l’abbrivio della distorsione del concetto di "gelato artigianale" con le sue conseguenze.

In questo periodo storico le aziende produttrici di semilavorati per la ristorazione, pasticceria e gelateria, si "accorgono" di questa esplosione di nuove aperture. Ci si accorge che è arrivato il momento di "offrire" una fruibilità semplice dei prodotti, anche perchè il 99% dei nuovi commercianti non è formato da artigiani ma di persone improvvisate.
Team di "tecnici" di laboratorio sviluppano "basi e prodotti" pronti all'uso di un utilizzo semplicissimo ma con un costo che da qui in poi sarebbe stato sempre in crescita. Senza più possibilità di tornare indietro.

D’altra parte, come sarebbe possibile tornare indietro se le persone esercenti non solo non sono “artigiani” ma sono anche merceologicamente autosufficienti?
MA il costo e la indispensabilità del costo di queste materie prime non è il male "peggiore". Questa miriade di "produttori" di semilavorati, crea un vero e proprio nuovo modo di "percepire "il prodotto gelato.
Quella miscela che una volta era semplice e leggera, viene ora trasformata in un sapore più cremoso, caldo e liscio da parte di chi produce semilavorati. Tali produttori hanno la "necessità" di "legare" i gusti della gente a ciò che si produce.

Il gelato mantecato, per il grande utilizzo di grassi vegetali, nutelle pronte e miscele semifredde, assume un peso specifico raddoppiato se non "triplicato" rispetto a quello all'antico metodo artigianale, dove l'overrun era la "base" di tutto.

Alcune esemplificazioni per spiegare al lettore neofita.
Il cornetto Algida, che è il "re" della costanza commerciale negli ultimi 100 anni, è un prodotto industriale quindi, in teoria, ha un costo di produzione inferiore a quello artigianale.
In teoria, perché oggi, nel 2020, pesa 80 gr per un costo unitario di 2,30 euro.

Un gelato artigianale alla moda (misura piccola) costa "ancora " a Roma tra i 2 euro e i 2,50 euro per un peso di 150 / 180 gr (per l'enorme peso specifico delle materie prime ed il bassissimo overrun).
In molti paesi non è raro ancora trovarne a 1,80 euro.

Cosa abbiamo dunque oggi?

Io lo definirei il “Falò delle vanità” di un prodotto che non può permetterselo. E che per continuare a sussistere deve restare "povero", senza pretese e con un costo di vendita adeguato al peso.
La storia degli ultimi due anni di guerra fornisce, a chi sa guardare tra le righe, una panoramica drammatica.

Non farò nomi ma posso assicurarvi che ad oggi, tutti e dico tutti coloro che si sono cimentati in negozi costosi, con aria imprenditoriale e distaccata, senza vivere di lavoro manuale personale, a fine stagione non riesce a "pagare" i fornitori e si trova in disagio con l'affitto ed utenze.
Peggiore è la situazione di quei Franchisee di grandi catene franchising nate negli ultimi 10 anni. Negozi bellissimi con incassi che superano il milione di euro di incasso...in VENDITA.

Ciò che dobbiamo riuscire a capire è che ciò che "appare" fiorente non sempre lo è.
Grandi file di clienti a volte "nascondono" un rapporto spese incasso sfavorevole. La causa è da ricercare nell'inesperienza del franchisee e nell'opportunismo del franchisor.

Creare una "situazione" bella e affascinante non è difficile ma non è "supportabile" del prodotto merceologico gelato artigianale.
Il gelato ha "bisogno" di fare il "prezzo" delle materie prime con i produttori e con i venditori di frutta ogni inizio stagione poichè, specialmente nell'era di questo travolgimento dei pesi specifici dei sapori, bisogna assicurarsi il miglior rapporto "spese incassi".

Il "franchising" impone un "incremento" su ogni prodotto della casa madre. Materie prime, carta, packaging. e questo, in un prodotto con margine così basso e dal prezzo unitario così basso, è deleterio.

Dunque, cosa è successo?

La trasformazione del gelato da "prodotto semplice" a "status" da conversazione ha creato un trend di produzione vendita completamente fuori luogo.
L'inesperienza del 90% dei nuovi artigiani ha creato quella "porta " attraverso cui "pseudo" rappresentanti di aziende produttrici di "Novità" hanno insegnato a produrre e "comunicare" in maniera errata perchè anche essi senza esperienza sul "campo".

Alcuni esempi:
Fare assaggiare i sapori con il cucchiaino prima dell'acquisto, utilizzare nutelle e composte "pronte all'uso" dal peso specifico assurdo, proporre novità alla moda ma impersonali perchè presentabili da tutti i clienti delle aziende.

Avete mai visto qualcuno che in una pizzeria chiede: scusi mi fa assaggiare un pezzetto di capricciosa? oppure in pasticceria, potrei assaggiare la crema del cornetto?
Qui ci vuole un bell'emoticon col sorriso!!!!

/// Previsioni per il futuro, con qualche dato tecnico per chi è interessato ///

Questa sezione potrebbe essere utile ai neofiti pensatori ed a chi volesse aprire una gelateria oggi.
Tecnicamente vediamo insieme i pregi ed i difetti rispetto ad alte attività artigianali quali pizzerie , bar, rosticcerie.

Il Gelato artigianale 2020

  • spese macchinari nuovi per una gelateria con laboratorio piccola 50mq circa 100000
  • spese macchinari usati circa 30/40000
  • spese macchinari nuovi pizzeria a taglio circa 15000
  • spese macchinari usati...fate voi
  • costo materie prime "semilavorati" 2020 da 5 euro a 50 euro al kg (a parte acqua latte e zucchero)
  • costo materie prime semplici per la pizza, rosticceria ecc. prezzi di mercato delle massaie...fate voi
  • spese per il funzionamento dei macchinari per la produzione: i mantecatori funzionano come le lavatrici…fate voi il conto di acqua e luce.

Ogni macchinario non ha poi meno di 10 kw di assorbimento.
Inoltre …la stagionalità del prodotto sta divenendo imbarazzante.
Anche ad agosto, il giorno di pioggia, si paga con un 80% in meno delle vendite. Alcune primavere piove di continuo. Fate sempre voi.

Tutte le altre attività artigianali inoltre, quasi tutte, acquistano materie prime al kg e vendono al kg "pesando" tutto ciò che vendono.
Pizza, rosticceria, pasticceria.

La gelateria è l'UNICA in cui la vendita (il 90%) è in mano all'estro e alla capacità dell'operatore che sullo stesso cono può dosare 150 gr come 200.
La vendita del gelato da asporto pesato è esigua rispetto di quella di coni e coppe.

Dunque, a chi iniziasse da zero.
A chi non fosse un Giolitti di dna o di stirpe millenaria ma dovesse iniziare da zero, fatevi due conti, dalle spese di apertura a quelle di gestione e continuità stagionale rispetto ad altri settori artigianali.
Le previsioni non sono buone, generalmente l'Italiano è disinformato e come è successo per le sigarette elettroniche o per la marijuana "legale" si butta in ciò che ha la "parvenza" di andare.
Fatevi due conti con il cervello in mano.

ALCUNI CENNI "SCONFORTANTI" PER IL VALORE DELL'ARTIGIANATO OGGI PER TUTTI QUELLI CHE SONO ARTIGIANI COMMERCIANTI DA ANNI.

Mi ricordo quando ero ragazzo che per prodotto artigianale si intendeva il risultato di una trasformazione artigianale di materie prime " DAL costo basso" per vendere un manufatto dal prezzo congruo anche se popolare.

ALCUNI SCONCERTANTI DATI 2020

Prodotti finiti che si vendono in bar, rosticcerie, pub hanno fino al 400% di ricarico, tasse e spese di gestione a parte.

acqua minerale: acquisto 20 cents vendita un euro
succo di frutta: acquisto 50 cents vendita 2 euro
birre: acquisto 1 euro vendita 3 euro
caffe': fate voi....

Gelato artigianale: ricarico utile circa 40%, tasse e spese di gestione escluse
Significa, per i meno matematici, acquistare a 10 e rivendere a 14...tasse e gestione esclusa
Dunque oggi conviene svitare un tappo e servire piuttosto che sporcare, usurare macchinari per produrre un prodotto da conservare delicatamente e costosamente.

UN APPELLO ACCORATO

a tutti i vecchi e nuovi gelatieri, un soffio di speranza che possa rinvigorire il nostro settore merceologico ormai cosi fragile e fatiscente.

Il gelato artigianale ormai è cambiato, non è più quel prodotto "semplice" da offrire ad un bambino con un sorriso e senza pretese.
E' diventata una scienza costosa e merceologicamente "pesante".
Anche se all'utente finale potrebbe sembrare alla stregua della pizza, del pane o della rosticceria, cosi non è per motivi tecnici e storici di cui abbiamo parlato. Qualche cliente mi diceva, mi dice...sono stato in nord Italia, il gelato lo fanno a palline e la panna si paga a parte..
…..In Europa il cono piccolo costa 4 euro
….. negli States 5 dollari

Gli ho risposto, potrei dirti che sono dei cretini, degli approfittatori.
Invece sono solo più esperti merceologicamente. Ciò che viene prodotto con un costo non può essere venduto sempre allo stesso costo da 20 anni, se il costo varia...
Il gelato artigianale, se resisterà alla crisi, non potrà costare più quanto costa oggi a fronte forse di un consumo inferiore ma, sicuramente, commercialmente più sano.
E' redditizio guadagnare il giusto su 50 persone piuttosto che nulla su 100.
Meditate amici, meditate.

NOTA INFORMATIVA

sulla grande truffa dei macchinari per la produzione di gelato artigianale.

Avete mai visto i macchinari per produrre e conservare il gelato?
Ve li elenco
Solitamente, nel laboratorio, si usa un pastorizzatore, un mantecatore, frigoriferi e freezer.
il Pastorizzatore è una grossa pentola d'acciaio con un motore da 2 cv ed una scheda elettronica pari a quella di un giocattolo clementoni.
Metallo, scheda e compressore ha un costo di circa 12000 euro (quanto un'utilitaria)
Il mantecatore. Metallo, una pala d'acciaio, un motore da 2 cv e la solita scheda elettrica. Costo medio nuovo 30/40000 euro.....
Nella zona vendita abbiamo una bella vetrina gelati
un frigorifero orizzontale con supporti per le vaschette gelato, un motore da 2 cv ed un sistema di ventilazione molto " bambinesco" tanto è vero che tante volte soffre di problemi.
Costo da 15000 a 50000 euro a seconda delle dimensioni.

A parte la spesa per i vari frigoriferi, abbattitori, freezer, pensate che tali costi garantiscano durate dignitose??
Vi risponderei, vi rispondo con un altro bell'emoticon...
Ma è un mercato da sempre in mano a 3/ 4 grandi aziende produttrici.
Fate voi.

CONCLUSIONI

Per parafrasare la vita...

Il gelato è come la vita.

Non è una linea retta. Negli ultimi 20 anni ha fatto molti giri e curve sta a noi osservare, decifrare e modificare i parametri a seconda del periodo storico.
Se vogliamo che il gelato artigianale non muoia.
A volte mi ritrovo a pensare e ripensare per dare un senso a tutto ciò oggi, 2020.
Sapete, quella voglia di ognuno di immaginare che nella vita l'abbiamo sfangata.
Una perla l'ho trovata, in mezzo a tante problematiche.

La stagionalità del prodotto che, se da un lato limita la vendita a 2 stagioni l'anno, dall'altro, permette ai più accorti, di incentrare gli sforzi ed i guadagni in 7/8 mesi e se si è stati lungimiranti ci si riposa 3/4 mesi di fila.

Ed accontentiamoci di questo.
E forse un’altra piccola perla. La soddisfazione della gente che arriva fino ad una piccola piazza un po' decentrata, per gustare la bellezza di un attimo cremoso destinato a svanire tra gli echi di una musica un po' rock…un po' blues. Niente filtri, niente social, niente hit del momento. Nessun artifizio.
Solo un prodotto e l’artigiano che lo ha creato. Semplicemente questo.
E se la gente esce con la bocca sporca di un sorriso, beh anche questo, in fondo, non è poco.

Alessandro Cannone - IlGelatodiConforti

Contattaci ora!

TEL +39 331 8948382

E-MAIL info@ilgelatodiconfortianzio.it

 

whatsapp chat facebook

I nostri Orari

Il lunedì siamo chiusi

PRIMAVERA
12:00 - 20:00

ESTATE
11:00 - 02:00

Consegniamo in

  • Anzio - consegna gratuita
  • Nettuno - consegna gratuita
  • Lavinio - consegna gratuita
  • Lido dei Pini/Colle Romito - consegna € 5,00
  • Campo di Carne/Aprilia -
    consegna € 5,00 dopo le 19
  • Latina - consegna € 5,00 dopo le 19
© 2020 CFT Tecnologies srls | P.IVA 14533801008 . All Rights Reserved. | Developed By joomla-sitiweb.com

///

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

CFT Tecnologies srls, in qualità di Titolare del trattamento, desidera fornire le seguenti specifiche informazioni relative alle modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. La presente informativa è resa anche ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 “GDPR” (di seguito la “Normativa Privacy”).

Tipologia di dati trattati

I tipi di dati e informazioni raccolti e trattati sono:

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del Sito acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta d’informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito Internet, ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.

Questi dati sono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento e sono conservati per il periodo strettamente necessario per l’analisi statistica.
I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente

IlGelatodiConfortiAnzio raccoglie i dati personali forniti volontariamente dagli utenti attraverso la pagina Contatti in caso di:

 

Utilizzo di Cookies

Questo sito utilizza "cookies". I "cookies" sono informazioni che potrebbero essere immagazzinate dal browser dell'utente sull'hard disk e che consentono di individuare alcune caratteristiche del navigatore. La maggior parte dei browsers in uso accetta automaticamente i "cookies", ma l'utente può configurare il proprio browser diversamente. In tale ultimo caso, l'utente potrà non avere accesso ai contenuti del sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione. Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.
I tipi di cookie che utilizziamo:


Cookie indispensabili

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione di un form per un concorso, non possono essere fruiti.


Cookie di funzionalità

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi che hai chiesto come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie possono essere rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.


Cookie di profilazione

I cookie di profilazione consentono di raccogliere informazioni sulle preferenze di navigazione del cliente, in modo da permettere l'offerta di contenuti in linea con gli interessi del cliente stesso.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.


Modalità di disabilitazione dei cookies

La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookies in modo automatico. L'utente può modificare queste impostazioni per bloccare i cookies o per avvertire che dei cookies vengono mandati al dispositivo dell'utente medesimo. Esistono vari modi per gestire i cookies. L'utente può fare riferimento al manuale d'istruzioni o alla schermata di aiuto del suo browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del proprio browser.
• Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
• Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
• Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies
• Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
• Safari: https://www.apple.com/legal/privacy/it/cookies/
In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l'utente dovrà assicurarsi che ciascun browser su ogni dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookies.


Vademecum Legale inerente i contenuti del presente sito

Il sito www.ilgelatodiconfortianzio.it è un dominio registrato e di proprietà dei CFT Tecnologies srls, e-mail: info@ilgelatodiconfortianzio.it, che lo gestisce riservandosi, con piena discrezionalità e nei limiti di legge, il diritto di modificare, sospendere o annullare, liberamente e senza preavviso, termini, condizioni o contenuti del presente sito.


Indicazioni sull'accesso e sull'utilizzo dei contenuti del presente sito

CFT Tecnologies srls assicura che il presente sito è stato configurato e per quanto possibile verrà gestito applicando ogni ragionevole tecnica e strumento idonei a garantire una corretta e continua operatività dello stesso. Tuttavia, anche in relazione all'attuale stato delle conoscenze e della tecnica, CFT Tecnologies srls non può escludere che si verifichino talvolta malfunzionamenti e/o difetti di trasmissione. Conseguentemente, entrando nel sito, l'Utente accetta quanto segue:

    • il sito o parti di esso potrebbero essere inaccessibili temporaneamente a causa di guasti e/o difetti di connessione o comunque di eventi al di fuori dal controllo di CFT Tecnologies srls.
    • CFT Tecnologies srls salvo ove eventualmente specificato, non ha alcun controllo sulla natura o il contenuto delle informazioni dei programmi trasmessi o ricevuti dall'utente utilizzando il sito né esamina in alcun modo la modalità di utilizzo del sito;
    • CFT Tecnologies srls non è responsabile per il materiale utilizzato e/o le condotte tenute dagli utenti durante la navigazione nel sito;
    • CFT Tecnologies srls non si assume alcuna responsabilità relativamente alla trasmissione sull'elaboratore dell'utente di eventuali virus e contenuti comunque dannosi originati da terzi.

Accedendo al sito, l'utente si obbliga a:

    • non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali, ovvero quale strumento per divulgare o diffondere in qualsiasi modo materiale o contenuti preordinati alla commissione di attività illecita
    • non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso, od in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
    • non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale diffamatorio, offensivo, osceno o minaccioso o che in qualche modo possa creare fastidio, disturbo o qualsivoglia pregiudizio;
    • non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza);
    • non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto di CFT Tecnologies srls.

Regole relative alla creazione di Link al sito www.ilgelatodiconfortianzio.it e/o verso altri siti di terzi.

Non è consentito agli utenti e/o a terzi creare dei collegamenti (links) al presente sito senza la preventiva approvazione per iscritto di CFT Tecnologies srls. In ogni caso, l'azienda si riserva il diritto di chiedere che vengano rimossi in qualsiasi momento i collegamenti (links) al presente sito.

Questo sito potrà contenere links verso siti esterni di titolarità di terzi. Detti siti di terzi, accessibili dall'utente attivando il link ed uscendo dal presente sito, non sono sotto il controllo di CFT Tecnologies srls, che, pertanto, non è né direttamente né indirettamente responsabile del contenuti presenti nei suddetti siti, né potrà in alcuna maniera garantire il loro corretto funzionamento.

L'inserimento di un qualsiasi link non implica alcuna approvazione dei contenuti dei siti collegati da parte di CFT Tecnologies srls Pertanto, l'utente è tenuto a prendere conoscenza e rispettare le condizioni d'uso vigenti in detti siti di terzi. Parimenti, qualsivoglia attivazione di links al presente sito, anche se autorizzata da CFT Tecnologies srls, non implica da parte di quest'ultima alcuna approvazione dei contenuti presenti sul sito collegato, né tanto meno alcuna deroga alle presenti Condizioni d'Uso.


Privacy Policy

I Dati Personali degli utenti, acquisiti da CFT Tecnologies srls attraverso il sito, verranno trattati nel pieno rispetto della normativa vigente ed in particolare del D.Lgs 196/2003 . Resta inteso che l'utente, ogni qualvolta CFT Tecnologies srls procederà alla raccolta di dati personali attraverso il sito, verrà invitato a prendere visione dell'informativa ex art. 13 del citato D.Lgs.196/2003, che verrà all'uopo fornita dal titolare, ed a prestare l'eventuale necessario consenso al trattamento.


Copyright , Marchi e tutela del Diritto di Autore.

L'editore del materiale pubblicato nel presente sito è CFT Tecnologies srls.

- Tutti i diritti sono riservati -

Il sito www.ilgelatodiconfortianzio.it e con esso tutti i suoi contenuti anche parziali, le "banche dati" ivi rinvenibili ed utilizzate ed il relativo sistema di consultazione sono tutelati a norma del diritto italiano ed in particolare dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modifiche, concernente la protezione del diritto d'autore e dei diritti connessi e, salvo ove non diversamente precisato, appartengono in via esclusiva a CFT Tecnologies srls. Pertanto gli atti di riproduzione e distribuzione, anche parziali, che non siano stati autorizzati dagli aventi diritto sono perseguibili civilmente e penalmente, ai sensi della citata legge.

Salvi i limiti previsti dalla vigente normativa, la riproduzione anche solo parziale del sito e/o dei suoi contenuti con qualsiasi mezzo, tecnica e/o strumento è espressamente vietata senza il preventivo consenso scritto di CFT Tecnologies srls. Le richieste di consenso potranno essere indirizzate al seguente indirizzo di posta elettronica: info@ilgelatodiconfortianzio.it ovvero per posta a CFT Tecnologies srls, e-mail: info@ilgelatodiconfortianzio.it,.

Il materiale e le informazioni fornite da CFT Tecnologies srls su questo sito sono messe a disposizione dell'utente, salvo ove non diversamente precisato, esclusivamente per uso personale. Sono consentite le citazioni dei testi contenuti nei domini ad esclusivo titolo di cronaca giornalistica o studio, purché accompagnate, sempre e comunque, dalla citazione del nome di CFT Tecnologies srls quale proprietaria del materiale contenuto nel sito e/o dall'indicazione della fonte comprensiva dell'indirizzo telematico "www.ilgelatodiconfortianzio.it". È vietata la variazione, contraffazione od utilizzazione non autorizzata, in tutto od in parte, del materiale contenuto nel sito www.ilgelatodiconfortianzio.it od in altri siti direttamente collegati con CFT Tecnologies srls. La richiesta di password all'area riservata è invece subordinata all'accettazione del trattamento dei dati personali. Accedendo, registrandovi ed utilizzando il sito, accettate espressamente di aderire ai termini ed alle condizioni contenute nel presente Vademecum Legale.

Tutti i diritti di autore e di proprietà intellettuale relativi alla configurazione, al contenuto e all'organizzazione del sito appartengono in via esclusiva agli aventi diritto e per essi a CFT Tecnologies srls

I marchi ed i segni distintivi dei prodotti presenti sul sito, salvo diversa indicazione, sono di titolarità di CFT Tecnologies srls. E' fatto assoluto divieto di utilizzare detti marchi e segni distintivi senza preventiva espressa autorizzazione scritta del titolare.


Informativa Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e richiesta di consenso

Gentile Signore/a,

desideriamo informarLa, ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 recante disposizioni in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, che le informazioni da Lei fornite o altrimenti acquisite nell'ambito dei servizi da noi prestati, saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l'attività di CFT Tecnologies srls.

Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con l'ausilio di mezzi informatico/telematici, finalizzate alla raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione.

Il trattamento dei dati avverrà per mezzo di strumenti e/o modalità atte ad assicurarne la riservatezza, l'integrità e la disponibilità, nel rispetto di quanto definito dalla legge.

Secondo la legge indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Il trattamento che CFT Tecnologies srls intende effettuare ha le seguenti finalità:

    inviare informazioni commerciali;
    inviare materiale pubblicitario ed informativo;

Inoltre, essendo la registrazione propedeutica per l'accesso ad alcuni dei servizi online offerti da CFT Tecnologies srls, i Suoi dati, verranno trattati per le finalità connesse e/o funzionali ai servizi stessi.


Diritti dell'interessato

In relazione ai predetti trattamenti, l'interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Decreto Legislativo 196/2003.

Può ottenere l'indicazione di:

    • origine dei dati personali;
    • finalità e modalità del trattamento;
    • logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
    • estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato, ai sensi dell'art. 5, comma 2, D. Lgs. 196/2003, dei trattamenti;
    • soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili, incaricati o rappresentanti designati.

Inoltre può richiedere a CFT Tecnologies srls, inviando comunicazione scritta a CFT Tecnologies srls, e-mail: info@ilgelatodiconfortianzio.it:

    • l'aggiornamento, la rettificazione oppure l'integrazione dei dati;
    • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali sono stati raccolti e successivamente trattati;

Titolare del trattamento è CFT Tecnologies srls e-mail: info@ilgelatodiconfortianzio.it.

Responsabile del trattamento è CFT Tecnologies srls P.IVA 14533801008.